Signal, comunica in sicurezza

Signal è un applicazione multi piattaforma e libera, creata con l’intento di offrire a tutti un’app di messaggistica estremamente sicura. Oltre ad inviare messaggi, la versione Android di Signal permette di effettuare chiamate audio e video di ottima qualità. Un’altra caratteristica chiave è la semplicità. Infatti, Signal è estremamente facile da installare e configurare, offrendo una sicurezza estrema in pochi passi.

Per dare un’idea della sicurezza di Signal (che analizzeremo meglio più avanti) basta pensare che è l’applicazione di messaggistica preferita da Edward Snowden che dichiara di usarla ogni giorno.

Se questo non vi avesse ancora convinto, considerate che Signal è l’applicazione che l’UE ha selezionato per i suoi dipendenti, preferendola ad altre applicazioni come Whatsapp, proprio per la sua sicurezza e il fatto che sia un software libero.

Installazione e utilizzo

Android

Sfortunatamente Signal non si può scaricare da F-Droid, ma solo dal Play Store. Consigliamo quindi di scaricare Signal da Aurora Store. Per farlo basta andare su Aurora, cercare l’app e installarla. In alternativa si può scaricare direttamente l’apk di Signal.

Utilizzare Signal è estremamente semplice. Una volta aperta l’app ti verrà chiesto di inserire il tuo numero di telefono, automaticamente vedrai nella tua rubrica tutti i contatti che usano Signal e potrai iniziare subito a scrivere con loro in modo sicuro e criptato.

Signal offre anche altre funzionalità. Per esempio, quando viene aperta per la prima volta vi verrà chiesto se desiderate usare Signal come app predefinita per gli SMS. In questo modo gli SMS/MMS potranno essere gestiti, ricevuti e inviati direttamente all’interno di Signal. Ovviamente in questo caso i messaggi non sono criptati.

Un’altra funzione molto utile è l’invio di messaggi temporanei, quindi che possono autodistruggersi. Per farlo basta andare nelle impostazioni di una conversazione ( i tre puntini in alto a destra) e selezionare “Messaggi a scomparsa”. A questo punto verrà chiesto di indicare il tempo di autodistruzione dei messaggi.

Come abbiamo già detto con Signal è anche possibile effettuare chiamate vocali e video. Per farlo basta andare all’interno di una conversazione e chiamare la persona interessata premendo sulle icone del telefono e della telecamera in alto a destra.

La sicurezza delle chiamate vocali e video è, ovviamente, sicura e crittografata. Inoltre, dobbiamo dire che la qualità è buona e l’esperienza che ne deriva è positiva.

iOS

Vai sull’Apple Store, cerca e scarica Signal. Le funzionalità sono esattamente quelle descritte per Android.

GNU/Linux

Per tutti – Usando un software manager
L’app di Signal per desktop è molto famosa e, perciò, può essere installato utilizzando un software manager. In questo caso l’installazione è guidata e resa automatica dal sistema che state utilizzando. In questo caso, è sufficiente cercare Signal nel software manager e cliccare installa.

Chi vive facendosi domande e chiedendosi il perché delle cose si sta probabilmente domandando cosa succede sotto il cappuccio del software manager. Se volete avere il pieno controllo della vostra installazione, seguite uno dei passaggi successivi.

Per i curiosi – Usando flatpak
Se usate un’altra distribuzione, o se siete curiosi, potete installala direttamente utilizzando flatpak tramite il sito flathub. Il comando è semplice, basta aprire il terminale e digitare:

$ flatpak install flathub org.signal.Signal

Trovate maggiori informazioni qui.

Per i coraggiosi – Usando il terminale su una versione Debian/Ubuntu/Mint
Dal sito di Signal è possibile installare una versione supportata su Debian e distribuzione derivate.

Riportiamo qui la loro guida. Per installare la versione desktop basta inserire nel terminale i seguenti comandi.

$ curl -s https://updates.signal.org/desktop/apt/keys.asc | sudo apt-key add -

$ echo "deb [arch=amd64] https://updates.signal.org/desktop/apt xenial main" | sudo tee -a /etc/apt/sources.list.d/signal-xenial.list

$ sudo apt update && sudo apt install signal-desktop

Windows

Per installare Signal Desktop su Windows basta scaricare il file di installazione ed eseguirlo.

MacOS

Per installare Signal Desktop su MacOS basta scaricare il file .dmg e installarlo.

Signal può sostituire Whatsapp?

Assolutamente sì e anzi consigliamo vivamente di abbandonare il prima possibile WhatsApp e iniziare a utilizzare altri applicazioni di messaggistica più libere e sicure. Infatti, Signal è in grado di sostituire la celebre app di proprietà di Facebook, proprio per la sua semplicità di utilizzo e installazione, che, a differenza di altre applicazioni, permette a chiunque (anche a chi non è particolarmente pratico di tecnologia) di usarla.

Il nostro voto

CategoriaVoto
Libre● ● ● ● ●5
Praticità● ● ● ● ●5
Compatibilità● ● ● ● ●5
Potenzialità● ● ● ○ ○3
Design● ● ● ● ○4
Voto finale4.4
  • Libre: client sotto licenza GPLv3, server AGPL.
  • Praticità: estremamente facile e intuitiva.
  • Compatibilità: multi piattaforma.
  • Potenzialità: non poter fare chiamate audio e video dalla versione desktop è un limite.
  • Design: moderno e semplice.

Approfondimento

Tutte le conversazioni su Signal sono automaticamente criptate end-to-end e utilizzano il Signal Protocol. Le chiavi che vengono utilizzate per crittografare le comunicazioni dell’utente vengono generate e memorizzate dagli utenti e non dai server.

Signal è sviluppata da Signal Messenger LLC, fondata da Moxie Marlinspike e Brian Acton. Quest’ultimo è uno dei creatori di WhatsApp. Inoltre Signal si sostiene anche grazie all’organizzazione no-profit Signal Foundation.

Da molti viene criticato il fatto che Signal richieda il numero di telefono per autenticarsi. Tuttavia, è da segnalare che non è obbligatorio fornire il numero della propria SIM, ma può essere utilizzato un numero VoIP.

Nel dicembre 2016, l’Egitto ha bloccato l’accesso a Signal. In risposta, gli sviluppatori di Signal hanno aggiunto il fronting di dominio al loro servizio, consentendo agli utenti di Signal in un paese specifico di aggirare la censura facendo sembrare che si stiano connettendo a un diverso servizio basato su Internet.

Riferimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *